Uso del collare cervicale nei traumi? Nuovi dubbi sull'uso del collare cervicale nei traumi: lo studio Norvegese

20.05.2014

Nuovi studi importanti sui presidi di immobilizzazione. Lo studio norvegese sul collare cervicale.

Siamo abituati nell'emergenza all'utilizzo automatico del collare cervicale per evitare e preservare possibili danni alla colonna vertebrale. Ma secondo uno studio norvegese recente (1) il collare potrebbe addirittura causare danni ed incovenienti.


Questo scetticismo contro l’uso preospedaliero del collare cervicale rigido trova altri sostenitori. Dopo gli studi al riguardo in anni passati, ne arriva un altro dell’University Hospital di Bergen, in Norvegia.

Nel corso degli anni questo impiego di routine non ha presentato solo vantaggi ma, al contrario, prove limitate di possibili danni ed effetti indesiderati. Per alcuni autori il collare cervicale può comportare un aumentato movimento nelle parti superiori del collo, più ampi deficit neurologici quando c’è un trauma spinale, un aumento della pressione intracranica per la compressione venosa al collo, un’ostacolata gestione delle vie aeree e un’aumentato rischio di aspirazione.

Lo studio norvegese quindi propone una strategia di immobilizzazione sicura, facile da implementare ed efficace, che non richiede alcuna nuova attrezzatura, e quindi l’omissione dell’applicazione di routine del collare cervicale. Secondo questo studio solo pochi pazienti in cui è necessaria tale immobilizzaizone andrebbe realizzata su tavola spinale con blocchi e cinghie, oppure l'utilizzo andrebbe fatta solo per la procedura dall'estrisecazione dopo un'incidente.

I risultati dicono che i pazienti traumatizzati non coscienti e non intubati vadano trasportati in una posizione laterale modificata che mantiene l’allineamento della colonna vertebrale e la pervietà delle vie aeree.
Ricordiamo ancora che il collare cervicale è un dispositivo di immobilizzazione parziale, perciò è necessario sempre applicare una immobilizzazione manuale finché non sono stati applicati altri dispositivi (tavola, fermacapo e cinghie)!

Lo studio conclude che si dovrà anche rivedere l’uso delle tavole spinali rigide a favore di materassi a depressione o altri supporti più morbidi, comodi e adattabili alle singole variazioni della forma corporea.

 

abf34d2fe510ddcf195f3116f6971792_m.jpg

1.Sundstrøm T, Asbjørnsen H, Habiba S, Sunde GA, Wester K. Prehospital use of cervical collars in trauma patients: a critical review. J Neurotrauma. 2014 Mar 15;31(6):531-40. doi: 10.1089/neu.2013.3094

Foto di Della Vella Carmine (Ph Nero)

Copyright dell'immagine: Carmine Della Vella Ph (Ph Nero)

L'ultima volta aggiornato il 19.11.2014.

4 valutazioni (3.25 ø)
8996 Chiamate
Medicina, Studio
Users must be logged in to comment Login
ospitante
IO HO LA FRATTURA MULTIPLA DELLA VERTEBRA CERVICALE C1 E DEVO INDOSSARE IL COLLARE RIGIDO MODELLO PHILADELPHIA PER 2 MESI. SE INIZIALMENTE AVEVO DOLORE AL COLLO ORA HO DOLORE A TUTTA LA SCHIENA PER LA RIGIDITÀ DEL COLLARE PERCHÉ HO UNA POSTURA SBAGLIATA E POI MI PREME SULLE MASCELLE PER CUI MI SI SONO INFIAMMATE LE GENGIVE.... NON MI PERMETTE DI MANGIARE.... È NORMALE TUTTO QUESTO?
#2 a 05.08.2017 de ospitante
  0
Argomentazioni interessanti e da valutare con attenzione
#1 a 06.06.2014 de dr GIUSEPPE RAMELLA (Medico)
  0
Click here and become a medical blogger!
Alterazioni morfofunzionali del miocardio. E' importante perchè colpisce soggetti giovani soprattutto nell'età più...
La morte improvvisa ed inaspettata di un lattante apparentemente sano risulta inspiegata anche dopo l'effettuazione più...
Ma ad oggi la difficoltà è legata più che alla tecnica in se, all’assenza della preparazione del personale e più...

Disclaimer

PR-blogs on DocCheck are sponsored blogs which are published on DocCheck by commercial providers additionally to regular userblogs. They may contain promotional statements. DocCheck is not responsible for this content.

Copyright © 2018 DocCheck Medical Services GmbH
Lingua:
Seguire DocCheck: